Al momento stai visualizzando Punti di forza e debolezza dei diversi social media

Punti di forza e debolezza dei diversi social media

Il panorama dei social media che si presenta alle aziende è talmente variegato e mutevole da richiedere un’attenta ponderazione della strategia di comunicazione da utilizzare.
Ogni media ha una propria identità e prima dell’utilizzo di un media invece di un altro,  c’è bisogno un’attenta analisi e valutazione.

BLOG

La decisione dell’apertura di un blog aziendale richiede uno sforzo economico iniziale elevato.
Ad oggi resta l’unico modo per dare un’identità forte all’azienda. La ricerca e la creazione di contenuti interessanti per un blog richiedono un investimento di tempo elevato. L’investimento di tempo però viene ripagato dall’enorme potenzialità di visibilità. I post del blog vengono indicizzati dai motori di ricerca e quindi possono essere visibili a tutti gli utenti di internet.
 

YOU TUBE

Esso è solitamente utilizzato dalle aziende per contenuti video, ma può essere utilizzato anche come un vero è proprio strumento per un marketing attivo.
Google infatti offre la possibilità di acquistare un brand cannel, che permette una personalizzazione grafica, la moderazione dei commenti,la limitazione per l’accesso ad uno specifico target e il reindirizzamento degli utenti a specifici brand asseconda dell’area geografica.

TWITTER

Twitter diventa necessario per annunciare novità di prodotti e offerte di breve termine oppure per dare risposte tempestive a clienti. Esso è uno strumento che possiede un limite, che però allo stesso tempo fa si che sia il suo punto di forza: l’immediatezza. Twitter limita il numero dei caratteri da poter utilizzare. La presenza su twitter può essere solo un modo per rilanciare contenuti prodotti altrove e quindi veicolare traffico su altri hub dell’azienda.

FACEBOOK

La gestione di una pagina ufficiale su facebook consente l’impiego minore di risorse e quindi di investimento aziendale iniziale sei dipendenti, e da risultati misurabili in tempi ragionevoli. In teoria i contenuti di qualità sono ospitabili anche su fcebook, ma se le risorse impiegate sono scarse si prediligeranno link, testi, foto o video.

Studi effettuati rivelano che l’80% delle aziende utilizza i social media, ma una piccola percentuale li utilizza nel modo corretto. Per indagare sulla capacità di utilizzo degli strumenti, per ogni azienda è stato calcolato un indice di social media ability basato su 3 dimensioni:

  1. Periodo di utilizzo
  2. Cura nella gestione
  3. Efficacia

In questo caso i risultati sono davvero desolanti: su una scala da 1 a 10 l’indice medio è 1,91. Il settore più avanzato risulta essere quello della moda.

In sintesi

  • You tube viene utilizzato specialmente per tutorial
  • Twitter viene utilizzato soprattutto per la sperimentazione e per la maggior parte dei casi viene utilizzato soprattutto per rilanciare contenuti senza grande creatività.
  • Facebook risulta utilizzato da quasi tutte le aziende